Genoa: dall’Europa League alla retrocessione

Il Grifone retrocede in Serie B.

Decisivo lo 0-0 del 10 giugno 2007, all’epoca guidati da Edy Reja, come decisivo in senso opposto è stato il 3-0 di domenica. La stagione successiva, la prima in Serie A nel 1995, i rossoblu ottengono un decimo posto di tutto rispetto, grazie al lavoro di Gasperini in panchina, Criscito in difesa e ai gol di Boriello.

Se oltre al calcio ti piacciono i giochi online, visita il sito di https://www.1win-italia.com/

Genoa tra salvezze e dolori: di nuovo Serie B

La stagione ricordata più volentieri dai rossobu è sicuramente quella del 2008/09, con la qualificazione in Europa League; due derby su due vinti ed una squadra guidata da Thiago Motta e Diego Alberto Milito. Nel 2009 il Genoa torna a calcare i palcoscenici europei con un girone di Europa League terribile. 2011-2012 è una stagione che non sorride al Genoa, soprattutto ai suoi allenatori, con Malesani, poi Marino e De Canio; si evita comunque la retrocessione, ottenendo un diciasettesimo posto finale che ai rossoblu rappresenta la premanenza in Serie A. 2012-2013: la salvezza sofferta. Il Genoa punta su un giovane Ciro Immobile, come attaccante principale per quella stagione. Scelta sbagliata, perché a salvare la squadra saranno i 12 gol di Boriello. 2013-2014: per il ruolo di allenatore, la scelta di Preziosi è ambiziosa; promosso Fabio Liverani; il derby vinto con 3-0 con i gol di Antonini, calaiò e Lodi sembra poter far svoltare la stagione dei rossoblu. Tuttavia, per salvarsi, occorrerà il ritorno di Gian Piero Gasperini che si piazzerà a l quattordicesimo posto. 2015-2016: campionato chiuso all’undicesimo posto, vincendo contro diverse big, come Milan, Torino e Sassuolo. Solito grande gioco di Gasperini. Altro derby dove i rossoblu hanno trionfato. 2016-2017: altra stagione complicata per il Genoa, che chiuderà al sedicesimo posto, ma ottenendo la salvezza soltando a maggio. Juric viene scelto come nuovo allenatore. Comincia alla grande, poi verrà esonerato e alla guida sale Mandorlini. 2017-2018: salvezza della squadra, dove alla guida comincia ancora Juric, ma questa volta dura meno: viene chiamato poi lo specialista delle salvezze, Davide Ballardini, che conduce la squadra ad un tranquillo dodicesimo posto. 2018-2019: Ballardini è confermato alla guida del Genoa: inizio ottimo, con 12 punti nelle prime 7 giornate. Poi l’1-3 subito dal Parma; Ballardini esonerato, rientra Juric, che però non riesce a fare meglio del predecessore. Soluzione? Chiamare un altro allenatore: Prandelli. 2-0 alla Juve e 0-0 a Firenze. 2019-2020 è la volta del 3-0 al Verona. Ancora salvezza. Ancora del tutto patita. 2020-2021 caratterizzato da prestiti proficui, come Scamacca e Strootman; il Grifone però è la squadra più colpita dal Covid. 2021-2022: il ritorno in Serie B; Ballardini è esonerato, Blessin rianima il Grifone ma non basta. È Serie B; verdetto deprimente ma meritato, per una squadra che su 37 partite ne ha vinte soltanto 4. Ti sei mai chiesto quali potrebbero essere le mete scelte dai calciatori per le loro vacanze? Ecco alcuni calciatori che hanno scelto la Puglia come meta dei loro soggiorni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.